martedì 21 marzo 2017

L'inizio del Contatto con Ra

Nota iniziale per i lettori: A partire da oggi ci avventureremo in un appassionante viaggio alla scoperta della serie di libri della Legge dell'Uno. Di volta in volta condividerò una citazione tratta da questo materiale di inestimabile valore, per commentarla in base alla mia esperienza ed alla mia personale interpretazione del suo relativo significato. Cercherò sempre di non presentare una visione univoca, ma di offrire piuttosto diverse prospettive ove ve ne sia la possibilità. Ogni mio commento è da ritenersi solo ed esclusivamente un'interpretazione soggettiva di questo materiale dalla valenza universale, ed il mio invito è quello di affidarsi sempre alla lettura personale, all'interpretazione individuale e allo sviluppo del discernimento. Grazie a tutti quelli che mi seguiranno in questa nuova avventura!
Gianluca Mosaico       

Per iniziare questa serie, inizieremo dalle prime parole in assoluto che sono state espresse da Ra al gruppo di contatto, il 15 gennaio 1981. Il gruppo L/L Research aveva ormai un'esperienza pluriennale con la canalizzazione: Don Elkins studiava questi fenomeni almeno dal 1955 (quando aveva iniziato a svolgere esperimenti con l'ipnosi regressiva per dimostrare i ricordi di vite passate) e Carla Rueckert aveva iniziato a canalizzare stabilmente almeno dal 1974 (anno a cui risale la prima trascrizione ufficiale del pluridecennale archivio del gruppo L/L Research). Le esperienze di canalizzazione erano avvenute fino a quel momento a mente cosciente, e ciò aveva permesso di ottenere una notevole quantità di materiale di livello introduttivo e generale. Le principali entità che erano state contattate erano Hatonn – un gruppo di quarta densità (4D) la cui prima canalizzazione risale a prima ancora che venisse ufficialmente formato il gruppo L/L Research, e il cui contatto è stato segnalato anche da diversi altri gruppi nel mondo – e Latwii, un gruppo di quinta densità (5D) il cui nome compare negli archivi almeno a partire dal 1977. Occasionalmente erano state contattate anche altre entità provenienti dalle medesime densità (per i dettagli riguardo alla natura delle densità si rimanda ad articoli futuri).

Carla Rueckert e Jim McCarty - L/L Research
Carla Rueckert e Jim McCarty qualche minuto
prima di una sessione con Ra

Il livello filosofico raggiunto attraverso questi contatti era già ragguardevole, e aveva fornito una notevole quantità di materiale introduttivo per comprendere le motivazioni che erano alla base dei contatti della cosiddetta “Confederazione dei Pianeti”, la grande alleanza di entità ET positive che tentavano, e tentano tuttora, di prestare servizio al pianeta Terra. Tuttavia, un'inaspettata serie di eventi portò il gruppo sviluppare un livello di contatto mai sperimentato in precedenza. Pochi mesi prima, una donna di nome Elaine, amica di lunga data del gruppo, era purtroppo venuta a mancare a causa di un diabete giovanile. Il vedovo, un uomo di nome Tom Flaherty, aveva chiesto se fosse possibile mettere a disposizione le capacità medianiche di 
Carla Rueckert per contattare la moglie deceduta, per permettere alla moglie stessa di ottemperare alla promessa fattagli prima di morire, che consisteva nel fatto che, dopo la sua morte, ella avrebbe cercato di mettersi in contatto col marito per assicurargli che lei stesse bene. Nonostante le notevoli riserve espresse da Carla in un primo momento, ella alla fine si decise ad utilizzare le sue capacità in un paio di occasioni, andando in trance e prendendo così contatto con Elaine. Dopo questi due tentativi andati a buon fine, trovandosi abbastanza a disagio con la trance e con il particolare tipo di comunicazioni che stavano avendo luogo (che non erano volte a ricercare verità spirituali, ma solo a cercare rassicurazioni e a soddisfare la curiosità personale), Carla smise volontariamente di utilizzare questo tipo di contatto.

Don Elkins e Carla Rueckert - L/L Research
Carla Rueckert poco prima di andare in trance,
mentre Don Elkins è pronto a porre le domande.

Tuttavia, proprio questa breve esperienza deve aver costituito il rodaggio per il contatto che sarebbe avvenuto di lì a breve. Poco tempo dopo, infatti, mentre stava insegnando le basi della canalizzazione ad uno “studente” di nome Leonard Cecil, Carla prese contatto con una nuova entità chiamata Ra, la “testò” come era solita fare e poi andò inavvertitamente in trance, iniziando a canalizzare spontaneamente. Curiosamente, per tutte le successive sessioni del contatto con Ra, Carla non sarà in grado di ricordare alcunché di quello che ella stessa avrebbe proferito poc'anzi. Ra avrebbe poi rivelato essere un complesso di memoria sociale di sesta densità (6D), e che la trance era l'unico metodo attraverso il quale era possibile mettersi in contatto con questo gruppo collettivo.

In quella stanza erano presenti Carla Rueckert, Don Elkins e Leonard Cecil. Quello che durante tutte le successive sessioni sarebbe stato il terzo componente stabile del gruppo, Jim McCarty, si trovava in quel momento fuori casa per fare la spesa, e rientrò nell'edificio proprio nel bel mezzo della prima sessione. Era il 15 gennaio 1981.
1.0 Ra: Io sono Ra. Non ho mai parlato prima d'ora attraverso questo strumento. Abbiamo dovuto aspettare che fosse perfettamente sintonizzata, dato che le inviamo una vibrazione a banda stretta. Vi salutiamo nell'amore e nella luce del nostro Infinito Creatore.

Le entità della Confederazione, di cui Ra fa parte, parlano continuamente dell'Infinito Creatore, spesso chiamato anche Uno Infinito Creatore o Intelligenza Infinita. Avremo modo di approfondire la natura e le caratteristiche di questo concetto; per ora basti sapere che l'idea del Creatore trasmessa dalla Confederazione non è paragonabile a quella di un dio esterno alle sue creature che comanda l'universo come un legislatore, tipica delle religioni occidentali. Al contrario, esso/essa consiste secondo la Confederazione in un'energia intelligente, infinita ed eternamente dinamica che genera la vita in tutte le sue forme. La vita stessa È il Creatore, che fa incessantemente esperienza di se stesso in un eterno presente. Noi stessi non siamo che frammenti del Creatore e come tali, in virtù della natura olografica dell'universo, conteniamo paradossalmente in noi stessi l'interezza del creatore stesso. 


In questo universo così interconnesso, esiste una notevole possibilità di comunicazione da una parte all'altra della creazione. Nel caso dei messaggi canalizzati, creature provenienti da altre dimensioni possono prendere contatto con un essere umano addestrato attraverso quelli che possiamo definire “contatti a banda larga”, più generici e ricevibili da molti, e “contatti a banda stretta”, elevati e ricevibili da poche persone. Secondo le parole di Ra, il contatto con il gruppo L/L Research, durato dal 1981 al 1984, era un rarissimo contatto a banda stretta, il che significa che la purezza e la qualità del contatto stesso erano della natura più elevata possibile, e che per lo stesso motivo era necessaria un'enorme cura sia nella preparazione del contatto che nella qualità delle domande da porre (che dovevano dunque avere alla loro base la volontà di progredire spiritualmente e di apprendere i misteri dell'esistenza, e non l'appagamento di curiosità o interessi momentanei, come spesso avviene nei contatti a banda più larga).

1.0 Ra: […] Abbiamo osservato il vostro gruppo. Siamo stati chiamati dal vostro gruppo, perché avete bisogno della varietà di esperienze di canalizzazione che presentino un approccio più intenso o, come voi potreste dire, più avanzato al sistema per studiare gli schemi delle illusioni del vostro corpo, della vostra mente e del vostro spirito, ovvero ciò che voi chiamate ricercare la verità. Speriamo di offrirvi una prospettiva abbastanza originale sulle informazioni che sono sempre ed eternamente le medesime.

Ritengo molto interessante l'affermazione di Ra che essi sono stati “chiamati” dal gruppo di contatto. È bene sottolineare che non era stata compiuta nessuna richiesta esplicita verso un gruppo in particolare, ma solo la generale richiesta implicita di poter avere il contatto di maggiore qualità disponibile che fosse possibile ricevere in modo stabile e sicuro. Il modo in cui siamo visti da queste entità multidimensionali è probabilmente paragonabile a quello di uno spettro vibratorio o di una frequenza d'onda: nel momento in cui le vibrazioni o le frequenze di un'entità o di un gruppo sono compatibili con quelle di entità che sono desiderose di comunicare (e che spesso svolgono questo compito come parte della loro stessa progressione spirituale), può aver luogo in questo caso una comunicazione.


Vorrei inoltre sottolineare l'affermazione di Ra secondo la quale ciò che andranno a trasmettere non è che una prospettiva originale “sulle informazioni che sono sempre ed eternamente le medesime”. Questa verità può essere considerata da due punti di vista: da un lato, si potrebbe dire che “non c'è nulla di nuovo sotto il sole”, ovverosia, che per quanto profonde o elevate saranno le informazioni trasmesse al gruppo di contatto, non ve ne sarà alcuna che non sia stata già trasmessa in un'altra forma o con altre parole da pensatori, filosofi o uomini spirituali delle epoche passate. Come vedremo, il cuore delle informazioni di Ra riguarderà i concetti dell'amore, della compassione, della saggezza e dell'unità di tutto il creato, ovvero ciò che i saggi e i “santi” di ogni epoca hanno in buona parte insegnato e praticato. Questa affermazione sembra inoltre essere un riferimento alla cosiddetta Philosophia Perennis (Filosofia Perenne), ovvero alla supposta Tradizione spirituale che ha fatto da substrato a tutte le singole tradizioni religiose locali. Alcuni dei più famosi propositori della filosofia perenne in tempi recenti sono stati Aldous Huxley e Frithjof Schuon. In effetti, attraverso il contatto che ha dato origine ai libri della Legge dell'Uno è possibile ritrovare il meglio del pensiero di ogni epoca, arricchito da considerazioni innovative sulla natura della realtà e sulla nostra evoluzione spirituale attraverso di essa.

Qui si conclude la prima porzione commentata dei libri della Legge dell'Uno. Qualsiasi commento, condivisione o suggerimento sarà il benvenuto. Grazie ad ognUno di voi!

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
Nota per i lettori: Le opinioni espresse in questo commentario corrispondono esclusivamente al punto di vista dell'autore del blog, e vengono offerte per stimolare la conoscenza e per offrire una prospettiva originale sul materiale di Ra. Tali opinioni non corrispondono necessariamente a quelle degli autori originali del materiale stesso, né esiste un'interpretazione “ufficiale” della Legge dell'Uno. Se avete trovato utile questo articolo, vi invito a proseguire la lettura del sito e a condividerne i contenuti con gli amici. In caso contrario, vi esorto a lasciare questa lettura alle vostre spalle senza pensarci due volte. Grazie per aver esercitato in tal modo il vostro discernimento individuale, in qualità di esseri spirituali dotati di libero arbitrio. Tutto è Uno.

Post più popolari