domenica 12 febbraio 2017

Atlantide: la Realtà di un Mito – Parte II

Nella Parte I abbiamo fatto una panoramica del racconto di Atlantide esposto nelle opere di Platone, e l'abbiamo messo in relazione con le descrizioni della civiltà atlantidea che emergono dalle canalizzazioni di Edgar Cayce. In questa seconda parte parleremo della descrizione della storia di Atlantide che viene fornita dall'entità collettiva Ra nei libri della Legge dell'Uno. Anche qui potrete trovare diverse parti mancanti del puzzle che vi potranno dare un'idea più precisa di cosa sia accaduto a questo continente leggendario. Prima di leggere il seguente articolo, se non l'avete già fatto, vi consiglio la lettura della Parte I.

Atlantide secondo i libri della Legge dell'Uno

Secondo Ra, entità che ha dato origine ai libri della Legge dell'UnoAtlantide era inizialmente una società prevalentemente dedita all'agricoltura, che viveva in modo non dissimile da altre popolazioni primitive, anche se ci sarebbe da dire che nel periodo storico indicato da Ra le altre popolazioni della Terra non avevano ancora scoperto l'agricoltura, almeno secondo le nostre attuali conoscenze storiche.

10.15 Ra: […] Il popolo degli Atlantidei era un complesso sociale molto eterogeneo che iniziò a formarsi circa 31.000 anni fa nel passato della vostro continuum illusorio di spazio/tempo. Era una società piuttosto agraria e caratterizzata da una crescita lenta fino a circa 15.000 dei vostri anni fa.

Atlantide Piramidi
Resa artistica di Atlantide (Ra non ha fornito alcuna immagine)

In una sessione successiva Ra afferma che ad un certo punto, circa 18.000 anni fa, è avvenuto un contatto con un gruppo della Confederazione (ET positivi). Ricordiamo brevemente che, secondo il quadro fornito da Ra, nel momento in cui un'intera popolazione è orientata verso la ricerca spirituale o ha bisogno di assistenza e la richiede attivamente, è consentito un intervento diretto da parte di entità esterne al pianeta. Nel nostro attuale presente storico è molto improbabile che ciò avvenga, in quanto la popolazione terrestre presenta orientamenti piuttosto diversi al suo interno, ed un intervento diretto violerebbe il libero arbitrio di coloro i quali non hanno interesse ad essere aiutati o a credere nell'esistenza di entità al di fuori del nostro pianeta. Il popolo atlantideo, che era piuttosto coeso ed era chiaramente isolato geograficamente, rispondeva invece ai requisiti necessari per un intervento della Confederazione, di cui anche Ra è parte. L'aiuto aveva a che vedere con l'impartire insegnamenti di natura filosofica legati alla Legge dell'Uno, applicata nella direzione del servizio al prossimo.

22.19 Intervistatore: Chi o quale gruppo ha prodotto questa chiamata [18.000 anni fa], e quale azione è stata intrapresa dalla Confederazione?
Ra: La chiamata è stata quella degli Atlantidei. Si trattò di una chiamata che richiedeva conoscenze, come voi le chiamereste, con la distorsione verso l'aiuto degli altri-sé. L'azione intrapresa è stata la stessa alla quale partecipate voi in questo momento: la trasmissione di informazioni attraverso dei canali, come voi li chiamereste.

22.20 Intervistatore: Questa prima chiamata è avvenuta in un periodo precedente a quello in cui Atlantide è diventata tecnologicamente avanzata?
Ra: Io sono Ra. È fondamentalmente corretto.

22.21 Intervistatore: Allora l'avanzamento tecnologico di Atlantide è avvenuto a causa di questa chiamata? [...] hanno anche ricevuto informazioni di natura tecnologica che hanno permesso loro di evolversi in una società così tecnologicamente avanzata?
Ra: Io sono Ra. Non inizialmente. All'incirca nello stesso periodo nel quale siamo apparsi per la prima volta nei cieli dell'Egitto [circa 18.000 anni fa], e continuando da allora in poi, altre entità della Confederazione sono apparse agli Atlantidei, che avevano raggiunto un livello di conoscenza filosofica, se possiamo usare impropriamente questa parola, che era consono alla comunicazione, per incoraggiare ed ispirare studi sul mistero dell'unità.

L'avanzamento tecnologico di Atlantide, dunque, non sembra essere avvenuto come diretta conseguenza di un contatto ET, ma sembra essere derivato dal naturale sviluppo di tale civiltà, che fino a quel momento si era evoluta in modo abbastanza armonioso. Come Ra aveva affermato in precedenza, tale avanzamento è iniziato ad avvenire all'incirca 15.000 anni fa. Le possibilità tecnologiche che caratterizzavano la civiltà atlantidea dovevano essere molto simili a quelle permesse dalla Free Energy di Nikola Tesla. Poiché a quel tempo la civiltà atlantidea era orientata piuttosto positivamente, non ci fu alcun tentativo di occultare tale tecnologia, come invece è purtroppo avvenuto nel nostro recente passato. Per questo motivo, essi raggiunsero un livello tecnologico molto superiore rispetto a quello che noi sperimentiamo attualmente. Tuttavia, in tale "onnipotenza" scientifica era già presente il seme della futura rovina di Atlantide.

10.15 Ra: [Atlantide] raggiunse velocemente un'elevata conoscenza tecnologica, che la rese in grado di utilizzare l'infinito intelligente in un modo meno informativo. Possiamo aggiungere che essi utilizzarono anche l'energia intelligente, manipolando notevolmente gli afflussi naturali del raggio indaco o pineale dalla energia divina o infinita. Pertanto, essi erano in grado di creare delle forme di vita. Ed è questo ciò che iniziarono a fare, anziché guarire e perfezionare i loro stessi complessi mente/corpo/spirito, volgendo le loro distorsioni verso quello che potreste chiamare il negativo.
Atlantide Leggenda

Come si può evincere da questa risposta, gli atlantidei non sfruttarono la loro tecnologia per creare una società più cooperativa e pacifica, ma si fecero guidare da una sorta di "delirio di onnipotenza" che li portò ad utilizzare tali conoscenze per manipolare le forme viventi, fino al punto di essere in grado di creare la vita artificialmente, con tecniche che evidentemente farebbero impallidire la nostra attuale ingegneria genetica. Essi iniziarono inoltre a diventare più competitivi e bellicosi, determinando un cambiamento di consapevolezza che si tradusse anche in una minore longevità (il rapporto fra consapevolezza spirituale e longevità è un argomento piuttosto complesso, che Ra affronta in altri punti del materiale; per ora basti sapere che ad un abbassamento delle vibrazioni spirituali collettive corrisponde un più veloce invecchiamento corporeo della popolazione generale, ed è per questo che in tutte le tradizioni religiose del mondo si parla di uomini antichi che erano in grado i vivere per secoli, prima che l'umanità venisse in qualche modo "corrotta"). Questa minore durata della vita fece sì che dovesse essere effettuata un'ulteriore chiamata di assistenza verso la Confederazione, per richiedere conoscenze riguardanti la guarigione e la longevità.

22.21 Ra: [13.000 anni fa, come indicato in 14.4] vennero fatte richieste riguardanti  la guarigione e altre conoscenze, e vennero pertanto trasmesse informazioni aventi a che fare coi cristalli e con la costruzione di piramidi e di templi, come voi li chiamereste, che erano connessi all'addestramento.

22.22 Intervistatore: Questo tipo di addestramento era lo stesso tipo di addestramento iniziatico che era stato impartito agli Egizi?
Ra: Io sono Ra. Questo addestramento era diverso, dal momento che il complesso sociale era più, diciamo così, sofisticato e meno contraddittorio e barbarico nei suoi modi di pensare. Pertanto, i templi erano templi di apprendimento anziché essere dei tentativi per separare completamente i guaritori e metterli su un piedistallo.

In quest'ultima domanda Ra sta facendo riferimento a quello che avverrà un paio di millenni dopo con gli Egizi (di cui aveva già parlato in domande precedenti), ove le conoscenze riguardanti le leggi spirituali che governano la realtà verranno monopolizzate dalla casta sacerdotale, che le utilizzerà per esercitare il potere sul popolo tenuto nell'ignoranza attraverso miti e superstizioni. Purtroppo questo genere di "occultamento" delle conoscenze al fine di preservare il potere (da cui il termine “occultismo”), è giunto attraverso diverse metamorfosi fino alla nostra epoca, ma questo è un discorso che faremo in un'altra sede.
Per quanto riguarda gli Atlantidei, le loro tendenze verso il potere e la competizione sfociarono ben presto in veri e propri conflitti armati, con l'aggravante che le armi a disposizione degli atlantidei erano tali da provocare ben più danni dei nostri attuali pur pericolosi armamenti.

10.15 Ra: Circa 11.000 dei vostri anni fa [9.000 a.C.], una prima guerra, come voi la chiamate, fece abbandonare la densità [perdere la vita] a circa il 40% della popolazione, attraverso la disintegrazione del corpo. Il secondo e ancora più devastante conflitto ebbe luogo circa 10.821 anni nel passato della vostra illusione [quindi circa 10.821–1981 = 8.840 a.C]. Questo creò un cambiamento nella configurazione della Terra che determinò la scomparsa della gran parte di Atlantide, che venne sommersa dalle acque. Tre dei gruppi di Atlantide orientati positivamente lasciarono questa zona geografica prima di tale devastazione, stabilendosi nelle aree montuose di quello che voi chiamate Tibet, di quello che voi chiamate Perù e di quella che voi chiamate Turchia.

24.4 Ra: Moltissime entità sono state sfollate, a causa di azioni societarie avvenute sia su Atlantide che sulle aree di quelli che voi chiamereste deserti del Nord Africa, dove alcuni Atlantidei si erano stabiliti dopo il primo conflitto. Gli sconvolgimenti terrestri sono proseguiti a causa di queste, come voi le chiamereste, bombe nucleari e a causa di altri armamenti basati sui cristalli, facendo affondare le ultime grandi masse terrestri circa 9.600 dei vostri anni fa [7.600 a.C.].

Atantide Sommersa

Alcuni superstiti di Atlantide orientati positivamente si rifugiarono dunque in tre diverse parti del mondo, ovverosia in Asia (Tibet), in America (Perù) e in Medio Oriente (Turchia), dove essi hanno presumibilmente influenzato le tradizioni religiose locali, e hanno in qualche modo fatto sopravvivere le conoscenze spirituali di Atlantide mescolandole con quelle di altri popoli ed altre culture. Un'altra possibilità è che tali gruppi abbiano formato delle scuole misteriche dove, ricordando l'uso distruttivo fattone in passato, solo le persone “degne” avrebbero potuto accedere alle dottrine segrete (si ricordi a tal proposito come, secondo il racconto di Platone, Solone abbia appreso la storia di Atlantide tramite la casta sacerdotale egizia di Eliopoli, come ho spiegato nella Parte I). Non sarebbe un caso dunque il fatto che molti gruppi misterici anche odierni facciano derivare la propria origine dal leggendario continente di Atlantide, le cui conoscenze non sono evidentemente sprofondate nell'oceano insieme alle sue terre, ma che sono invece pronte ad essere riscoperte da una futura umanità più degna del loro possesso.

Si conclude qui il nostro viaggio alla scoperta delle rivelazioni antiche e moderne su Atlantide. Grazie a tutti per essere arrivati a leggere fin qui. Se l'articolo vi ha appassionato, non mancate di lasciare un'opinione o un commento sulla nostra pagina Facebook.

Post più popolari